Ma siamo sicuri che questa laurea non serva a niente?!

Brillante-laureato-offresi_dentro

Oggi un cliente piuttosto antipatico e arrogante mi ha dato da riflettere sull’importanza di avere una laurea.
Lui sosteneva che ho perso il mio tempo e i soldi dei miei genitori per avere una laurea completamente inutile, che se mi fosse interessato veramente avere una laurea di livello e di una qualche utilità sarei dovuta andare all’estero, l’Italia è solo un paese per poveracci.

Secondo me una laurea in economia, ma come in tante altre materie, non è realmente utile. Nel senso che ti serve, si, per fare l’esame di stato per diventare commercialista, però in realtà un bravo ragioniere probabilmente ne sa molto più di me di contabilità. Lo stesso vale anche per molte altre lauree, salverei giusto le discipline mediche e quelle ingegneristiche.
Credo che un laureato esca dalle nostre università molto preparato teoricamente ma poi dal punto di vista pratico sia quasi a zero, quindi si, in effetti da questo punto di vista una laurea è abbastanza inutile.

Io credo, però, di essere stata molto fortunata a frequentare l’università, credo che quelle lezioni che tanto mi hanno esasperato quando le frequentavo in realtà mi siano servite, che i professori tanto odiati in realtà siano stati una ricchezza, che i compagni di corso siano stati una risorsa, che il vivere fuori casa e avere dei coinquilini sia stato moooolto istruttivo.

Io credo che l’università mi abbia dato lezioni di vita ineguagliabili, magari non sarò un asso della partita doppia o della revisione di bilancio, ma ho imparato a confrontarmi con i superiori (i miei professori) esprimendo il mio punto di vista in modo chiaro e rispettoso, ho imparato a trovare un compromesso senza per questo rinunciare alla mia idea (si ringraziano gli odiatissimi lavori di gruppo), adesso conosco il valore che può dare il relazionarsi con persone di altri Paesi, con altre culture o semplicemente con abitudini e trascorsi molto diversi dai miei, ho imparato che a seconda di chi lo guarda e come lo si guarda un problema non ha un’unica soluzione, ho imparato che cedere su alcuni punti non è segno di debolezza, ma solo ammettere che magari c’è chi ha un’idea migliore della mia, ho imparato a prendere esempio da altri e che cambiare opinione si può.

Io credo che quello che mi ha dato l’università non sia qualcosa di tangibile come un bilancio ben redatto, si tratta, piuttosto, di un’apertura mentale che prima non avevo, di un modo di pormi davanti ai problemi che prima non conoscevo, riguarda il saper individuare il proprio obiettivo e trovare la strada giusta per raggiungerlo senza aver paura degli ostacoli che si possono incontrare perchè ho imparato che nulla è insuperabile, che per ogni problema c’è una soluzione, magari anche più di una, si tratta solo di saper dove cercare.

Io credo che l’università mi abbia fatto conoscere delle persone fantastiche, che mi hanno insegnato molto e non parlo solo dei professori, mi reputo fortunata perchè ho conosciuto ragazzi e ragazze della mia età molto determinati, molto creativi, molto tecnologici, molto occupati, perfetti organizzatori, grandi amici e fonte di ispirazione.

Quindi si, da un punto di vista prettamente pratico la laurea potrà essere inutile, ma la pratica si ha sempre tempo per impararla, il modo di ragionare e di vedere le cose invece è un’altra cosa.

Io credo che il mio cliente non abbia capito, e mai lo farà, a cosa serva veramente avere una laurea.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...