3 motivi per cui non potete proprio perdervi la World Press Photo 16

FullSizeRender

Io non sapevo neanche che esistesse e invece la World Press Photo è una competizione mondiale tra i fotoreporter delle maggiori testate giornalistiche.
Le foto vincitrici stanno facendo il giro del mondo grazie ad una serie di mostre.
Io le ho viste a Berlino, alla Willy Brandt Haus e sono rimasta senza fiato.

Sono foto potenti che ti mettono davanti alla cruda realtà.. senza filtri!

Se volete saperne di più, leggete il post dedicato su That’s Smart Way!

Siete mai stati a Berlino?

IMG_9509

Domani mattina all’alba, letteralmente all’alba, parto per cinque intensi giorni a Berlino!

Voi ci siete mai stati? Io ci torno per la terza volta (ci abita mia sorella!) e sono emozionata come fosse la prima.

Berlino è una città che si ama o si odia, non ci sono mezze misure… io la adoro!

Mi piace l’idea di camminare tra le sue vie, quelle vie su cui è stata scritta la storia.

La città dopo la seconda Guerra Mondiale è stata praticamente tutta ricostruita, ma ciò nonostante ha saputo mantenere vivo il ricordo di ciò che è stato, nel bene e nel male. A Berlino non si dimentica!

A me Berlino piace perché è una città viva, sempre in cambiamento, ci sono sempre novità, cose nuove da vedere…appare diversa ogni volta che torno.
Ciò nonostante, camminando tra le sue vie, visitando i suoi musei e i luoghi della memoria, il peso del suo passato lo senti… è come se un velo sottile coprisse ogni cosa.
Questo, anche se a volte da un senso di malinconia, è quello che mi piace di Berlino perché è l’emblema di un popolo che è saputo ripartire, rialzarsi dalle macerie (letteralmente), ma contemporaneamente non dimenticare.

Un esempio che calza a pennello è la “Topografia del Terrore”, un “museo”.
Dove una volta sorgeva il palazzo centrale della Gestapo, adesso si trova questa grande area vuota (senza alberi, senza nulla)… solo un basso edificio squadrato e minimalista che contiene una mostra, per lo più fotografica, che racconta l’ascesa al potere di Hitler e quello che ne è conseguito.
Un luogo che prima incuteva terrore, adesso è un’esposizione che mostra ciò che non deve riaccadere.

Se non siete mai stati a Berlino, ma anche se ci siete stati e volete rivederla, seguitemi su Instagram e Snapchat, in entrambi mi trovate come “thatsmartway“. Ci conto!!