Friuli: in barca alla scoperta della laguna di Grado

Ci sono delle idee che nascono così dal niente: “prossimo anno vacanze in Croazia con barca per girare le varie spiagge”. E poi ci sono amici che approvano le idee e anzi, già cominciano ad organizzare: “domani andiamo al mare, … Continua a leggere

Le spiagge di Skiathos: dove andare e cosa evitare

IMG_6980

Skiathos è un’isola verdissima.
Skiathos è un’isola piccolissima.
Skiathos è un’isola che di spiagge è ricchissima.

Ebbene si, la minuscola Skiathos ha veramente tantissime spiagge, tra l’altro molto diverse tra loro, in modo da poter accontentare un po’ tutti.

Io mi sono innamorata della costa Ovest e delle sue spiagge più tranquille e isolate, voi di che spiaggia siete?

Sul mio blog vi porto alla scoperta delle spiagge di Skiathos, cliccate qui.

Le 5 cose che puoi fare solo a Skiathos

IMG_6631

In una settimana abbiamo girato Skiathos in lungo e largo. Non che ci voglia molto, in realtà… l’isola è veramente piccolissima.
In ogni caso.. ho stilato la lista delle 5 cose che si possono fare solo a Skiathos, come farsi scompigliare i capelli da un aereo che atterra o farsi la doccia attraverso una boa.
Per saperne di più, leggete l’articolo completo su That’s Smart Way.

10 motivi per andare in vacanza in Grecia

IMG_5981

Mancano poco più di 10gg e poi finalmente si parte… destinazione Skiathos.
Si, Grecia anche quest’anno e no, non ci siamo ancora stancati.

Ogni anno vagliamo mille destinazioni diverse, ma alla fine optiamo sempre per l’ennesima isoletta greca… e le ragioni sono sempre le stesse!!

Per sapere cosa mi spinge ogni anno ad scegliere la Grecia, leggete l’articolo completo qui.

Spero di contagiare anche voi 😉

Zanzibar: le escursioni da non perdere

IMG_0911

Zanzibar è un’isola che va esplorata, ma sopratutto vissuta, e in una settimana, si sa, non si possono fare miracoli.

Per sapere quali sono stati i miei posti preferiti dell’isola, ma anche le esperienze che consiglio di fare una volta arrivati a Zanzibar, leggete l’articolo completo su That’s Smart Way .

Zanzibar: colori, spezie e sorrisi

img_4406

Zanzibar è l’isola della rilassatezza dove “pole-pole” (piano-piano) è uno stile di vita.

Zanzibar è l’isola delle risate e dei saluti perchè tutti, e dico tutti, salutano. Non ti conoscono ma salutano, ti incrociano per strada e ti salutano, ti vedono passare in corriera, loro salutano. E non lo fanno solo con i turisti, lo fanno anche tra di loro!

Zanzibar è l’isola che profuma di spezie. A Zanzibar coltivano di tutto, frutta, patate, canna da zucchero, verdure, ma sopratutto un’infinita varietà di spezie: chiodi di garofano, curry, cannella, pepe, peperoncino, noce moscata…

L’articolo prosegue su That’s Smart Way.

10 cose che puoi fare solo a Vienna

img_3279

A Vienna ci ero stata alle medie, in gita. Ricordi pochi e confusi.
Poi, quest’anno, mi ha portata Lui, a sorpresa, per il mio compleanno.
Ho adorato Lui e ho adorato Vienna.

Vienna è una di quelle capitali che ti fanno sentire a casa e io per 4 giorni ho continuato a girare con gli occhi sgranati, stupendomi ad ogni angolo.

Su That’s Smart Way ho scritto un post con le 10 cose che puoi fare solo ed esclusivamente a Vienna. Non perdetevelo!!

—> 10 cose che puoi fare solo a Vienna

Berlino a perdita d’occhio

alba

Berlino è una di quelle città che per quante volte tu possa andarci, ti sembrerà sempre diversa, o per lo meno è così che sembra a me.
Sempre bella, sempre interessante, sempre accogliente e fredda al tempo stesso.
E’ una città che va avanti restando però sempre ben ancorata al passato.
Per le vie di Berlino mi sono persa mille volte e anche quando ero convinta di essere sulla strada giusta, quella già fatta, ecco che in realtà mi trovavo da tutt’altra parte.
Berlino con i suoi parchi e i suoi palazzonni… vedere un tramonto è difficilissimo.
Difficile ma non impossibile.
Cliccando qui, infatti trovi la lista dei miei 10 punti panoramici preferiti a Berlino perché se Berlino è bella vista dal basso, puoi solo immaginare come sia cambiando prospettiva!

A.A.A. guida di viaggio cercasi

Ammetto di essere una fanatica dell’organizzazione, cosa che fa letteralmente a pugni con il fatto che sono una disordinata cronica… va a sapere come funziona il cervello umano…

In ogni caso, mercoledì me ne vado a Berlino con mia mamma a trovare mia sorella e da brava organizzatrice credo di aver fuso il computer a forza di cercare informazioni, itinerari, dritte… quando si dice una vacanza all’insegna dell’avventura!!

Dopo tutti i miei sforzi, però, mia mamma ha deciso che si rendeva necessaria anche una guida seria, quindi sabato sono stata in libreria a comperare una Lonely Planet… bene 10 min dopo l’avevo già portata indietro a favore di una Mondadori… oggi terzo cambio… ho optato per un romanzo giallo (che tra l’altro non vedo l’ora di leggere… Il cerchio dell’odio).

Fortunatamente il commesso era gentile e paziente e ha capito il mio dramma… nessuna guida era completa come la volevo io.
Le Lonley Planet ottime da un punto di vista organizzativo, dicono pochissimo sui monumenti, le Mondadori hanno bellissime foto, ma anche qui pochi approfondimenti (ho escluso le Touring perchè hanno troppa storia dell’arte per i miei gusti).
Loro, mi è stato detto, danno per scontato che uno vada a visitare una città già preparato… ma allora la guida a cosa mi serve?!
Io ho bisogno che una guida mi dica cosa sto vedendo, ma anche perchè è famoso quel monumento, che me ne racconti la storia e magari qualche curiosità… che mi consigli ristoranti carini, ma anche attrazioni stupide, tipo il museo del Currywurst… chiedo troppo?!

Comunque, io mercoledì parto e se qualcuno in giro per Berlino vede una alle prese con mappa e mille fogli, scaricati da internet, che semina per strada nel disperato tentativo di seguire un ipotetico e alquanto incerto itinerario, con un fantastico romanzo nuovo di zecca che sbuca dalla borsa… bene, quella sono io!

Tipi da… fai da te #1

Il top fra i tipi da negozio è sicuramente quello super professional.

Il cliente super attrezzato,  quello che arriva nel negozio di Fai da Te con metro, calibro, carta e penna pronto a misurare, segnare e calcolare tutto al millimetro.

Conosce tutti i materiali, sa come utilizzare ogni attrezzo, conosce la differenza tra i vari tipi di viti e riconosce la sfumatura di colore dei diversi impregnanti alla prima occhiata.

Quello che però lo distingue dai finti professional, è che lui in macchina ha anche una scala portatile in modo da poter caricare senza sforzo i suoi acquisti sul portapacchi.

Essere professional non è cosa da poco!